Sviluppatore di Cryptocat trattenuto al confine con gli USA



Certe volte basta fare un lavoro particolare per incappare nelle maglie della giustizia ed essere trattato come un criminale internazionale: così è capitato a Nadim Kobeissi, sviluppatore del programma di chat crittografata Cryptocat, trattenuto ai confini degli Stati Uniti ed interrogato aspramente sulle caratteristiche della sua app.

Cryptocat consente di configurare chat sicure ed aggiungere amici tramite Facebook. Verranno direttamente “convogliati” nell’interfaccia chat di Cryptocat, che può essere resa ancora più sicura con un add-on di Chrome. Insomma, questa web app è un’alternativa open source e privata a servizi come Skype e la chat di Facebook.

A quanto pare la cosa interessava molto alcuni ufficiali governativi statunitensi, che hanno messo il nome dello sviluppatore su una lista di persone da fermare alla frontiera. Kobeissi ha confidato al suo account di Twitter di essere stato trattenuto ed interrogato dalle guardie di confine: è stato perquisito e gli è stato domandato di spiegare quali algoritmi usa Cryptocat. Il suo passaporto è stato trattenuto fino al termine dell’interrogatorio, che è durato più di un’ora.

L’ufficiale che si è occupato della procedura ha sostenuto di avere 22 anni di esperienza con i computer (un’affermazione piuttosto originale). Siccome il programma è di fatto open source, non ci sono molti segreti a riguardo di esso – l’unica cosa protetta è il contenuto delle sue chat.

Kobeissi stessi ha comunque precisato su Twitter: “E’ importante che il mio interrogatorio non “gonfi” troppo il livello di fiducia in Copycat, è e resta un esperimento e c’è ancora molto lavoro da fare”.

Via | ZeroPaid

Sviluppatore di Cryptocat trattenuto al confine con gli USA é stato pubblicato su Downloadblog.it

travel_468x60.gif

Leave a Reply