Pirate Pay dalla Russia blocca i file scaricabili con BitTorrent



Pirate Pay

Pirate Pay, a dispetto del proprio nome, non è un sistema “pirata” per il commercio elettronico: al contrario, è una tecnologia che inibisce la condivisione dei file su BitTorrent. Finanziata da Microsoft, la società russa ha inizialmente collaborato con Walt Disney Studios e Sony Picture per impedire il download illegale dei film.

Alla prova sul campo, Pirate Pay è riuscita a bloccare 44.845 copie di Vysotsky. Thanks to God, I am alive — un film uscito nelle sale russe il 1 dicembre 2011. Rispetto al traffico attuale dei contenuti protetti dal diritto d’autore su BitTorrent, è un numero molto esiguo. Tuttavia, è stato sufficiente a convincere gli investitori.

Fondata nel 2009, Pirate Pay ha ricevuto $100.000 da Microsoft per rafforzare il sistema. L’idea non è del tutto originale: Peer Media, una società che un tempo era nota come MediaDefender, aveva già realizzato qualcosa di molto simile. Ed è fallita. Non stupirebbe poi granché, se Pirate Pay dovesse fare la stessa malaugurata fine.

Via | TorrentFreak

Pirate Pay – dalla Russia – blocca i file scaricabili con BitTorrent é stato pubblicato su Downloadblog.it

travel_468x60.gif

One Reply to “Pirate Pay dalla Russia blocca i file scaricabili con BitTorrent”

Leave a Reply