Da dove arriva lo spam? India al primo posto, Italia al sesto



spam

Per anni gli Stati Uniti sono stati il luogo da cui partiva la più grande quantità di spam, ma da qualche settimana ha perso quel primato a favore dell’India. Lo rivelano gli esperti di SophosLabs nell’ultimo rapporto Dirty Dozen, che monitora periodicamente i 12 paesi che contribuiscono in maniera predominante alla diffusione dello spam: il 9.3% dei messaggi di spam diffusi in tutto il Mondo arrivano dall’India, mentre gli Stati Uniti sono al secondo posto con l’8.3%. Chiude il podio la Corea del Sud con il 5.7%.

Per trovare l’Italia non dobbiamo scendere troppo: è al 6 posto con il 4.9% dello spam mondiale, subito dopo Indonesia e Russia a pari merito con il 5%. Brasile, Polonia, Pakistan, Vietnam, Taiwan e Peru completano questa “sporca dozzina” che da sola corrisponde quasi al 60% dello spam. Gli altri Paesi, quelli che diffondono il restante 41.7%, non vengono nominati.

Il rapporto conferma anche che la maggior parte dello spam parte da computer che sono stati manomessi da hacker e trasformati in botnet, ma ci fornisce anche una “buona” notizia: rispetto allo scorso anno è diminuito lo spamming attraverso le mail, principalmente perché gli spammer stanno sempre più spesso rivolgendo le loro attenzioni al mondo dei social network, Twitter e Facebook in primis. Anche lo spam, insomma, segue le ultime tendenze: cosa succederà in futuro?

Via | Naked Security

Da dove arriva lo spam? India al primo posto, Italia al sesto é stato pubblicato su Downloadblog.it

travel_468x60.gif

Leave a Reply