Google e l’automazione delle password su Chrome: ecco come funzionerà



google password manager

Come abbiamo visto qualche giorno fa, Google è intenzionata a attuare una piccola rivoluzione nella sicurezza di Chrome, affrontando in modo nuovo un argomento piuttosto scottante, che noi utenti tendiamo a prendere per scontato: la gestione delle password.

Il nuovo password manager avrà una filosofia di funzionamento decisamente differente da quanto c’era in precedenza, e sarà molto più di un semplice generatore automatico di password. Quando un utente navigherà su un sito protetto e dovrà crearne una, apparirà il simbolo di una chiave sul campo della parola segreta. Google, cliccandola, ci chiederà se vogliamo creare una password per il sito, e sarà una sequenza di lettere, simboli e numeri che dovremo approvare. Sarà abbastanza lunga da rendere molto complessa la violazione – E come corollario, sarà anche impossibile da memorizzare per noi, date le dimensioni. Per questo sarà Google stesso a ricordarla per noi, usando il nostro account.

Il senso di proporre un’automazione totale della sicurezza tramite password è forse controintuitivo per chi è abituato a pensare che essa dipenda esclusivamente da un nostro rapporto personale, insostituibile, con le password. Una volta approvata, la password sarà sincronizzata con gli apparecchi dell’utente che sono connessi con il nostro account di Google. Si tratta di un concetto del tutto parallelo a quello dei vari pulsanti “log in tramite Facebook” già sparsi per la rete. Non è più la nostra memoria a gestire la sicurezza dei nostri vari account, bensì la nostra identità. Il metodo per accertare tale identità dovrebbe basarsi su OpenID, uno standard che Google corteggia da anni.

Se temete che Google “ingoi” le parole chiave per sempre, beh, il timore è come ovvio fondato. Ma per ovviare al problema, Google sta pianificando di offrire un sito sicuro per visualizzarle ed eventualmente stamparle. Certo, stampare significa aggiungere un anello debole alla catena, ma non esiste un sistema di sicurezza che non è costretto ad affrontare dei compromessi.

C’è un altro pericolo fondamentale insito in questo approccio, e la soluzione è ancora tutta da vedere: se le nostre uova sono in un solo paniere (l’account di Chrome), un ladro che riesca a penetrare questa difesa avrà ciò che noi vorremmo proteggere a portata di mano.

Via | PC World

Google e l’automazione delle password su Chrome: ecco come funzionerà é stato pubblicato su Downloadblog.it

travel_468x60.gif

Leave a Reply