Blogger ha seguito l’esempio di Twitter per la censura dei contenuti



Blogger

Blogger, la piattaforma di Google per la creazione di blog, ha iniziato lo spostamento dei contenuti dal dominio generico .com ai country-code TopLevel Domain (ccTLD): in pratica, gli indirizzi .blogspot.com saranno .blogspot.it — almeno, per l’Italia. La modifica è attiva soltanto in alcuni Paesi tra i quali l’Australia e l’India.

Le motivazioni alla base del cambiamento sono diverse. La giustificazione ufficiale, che pure ha un certo fondamento, riguarda la migliore indicizzazione dei contenuti quanto a lingua e nazione. Tuttavia, un motivo più credibile è l’occultamento di blog e interventi sulla posizione geografica: la stessa politica adottata da Twitter.

Google offrirà, comunque, una “scappatoia”: per visualizzare i contenuti – a prescindere dalla latitudine – è possibile digitare /ncr in coda all’indirizzo .com. L’acronimo significa No Country Redirect (NCR). Anziché tutelare i blogger dalla censura nei rispettivi Paesi, Google parrebbe assecondare quei regimi che li imprigionano.

Via | Google

Blogger ha seguito l’esempio di Twitter per la censura dei contenuti é stato pubblicato su Downloadblog.it

travel_468x60.gif

Leave a Reply